mercoledì 29 marzo 2017

Intercettazioni delle comunicazioni: provvedimenti del Garante, legge delega, bavagli e fughe


Il 18 Luglio del 2013, il Garante per la protezione dei dati personali (comunemente noto come Garante della privacy) a seguito di una indagine conoscitiva presso alcune Procure della Repubblica di "medie dimensioni" (Bologna, Catanzaro, Perugia, Potenza e Venezia) per valutare, ai fini della tutela dei dati personali, il livello tecnico e gestionale in essere nell'attività di intercettazione delle comunicazioni (telefoniche, informatiche, telematiche ecc.) adottava un provvedimento - il doc. web n. 2551507 - destinato alle Procure della Repubblica, che riguarda sia i C.I.T. che le singole unità di P.G. in delocalizzazione. Per quanto attiene alla fase processuale, sembra (tuttora) che si ritengano ancora sufficienti le Linee guida in materia di trattamento di dati personali da parte dei consulenti tecnici e dei periti ausiliari del giudice e del pubblico ministero pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale n. 178 del 31 Luglio 2008 (vedi qui). Il Provvedimento in materia di misure di sicurezza nelle attività di intercettazione da parte delle Procure della Repubblica veniva emanato il 18 luglio 2013, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 189 del 13 agosto 2013, con un termine per l'entrata in vigore fissato a diciotto mesi da tale data.
Sin troppo facile domandars cosa potesse accadere qualora il Ministero di Giustizia non avesse fornito le  risorse idonee a consentire a detti Uffici di apportare le modificazioni e integrazioni indicate nel presente provvedimento volte a rafforzare la sicurezza nel trattamento dei dati personali e dei sistemi nell'ambito delle attività di intercettazione come chiedeva il Garante: proroghe su proroghe, l'ultima col provvedimento del 26 Gennaio 2017 (lo trovate qui integrale con tutti i rinvii ai precedenti provvedimenti interlocutori), che proroga il termine per l'adozione sino al 31 Dicembre 2017, con riserva di rivalutare la situazione sulla base di quanto il Ministero rappresenterà entro il 20 settembre 2017 circa lo stato di attuazione degli interventi di adeguamento programmati.
Del provvedimento avevo scritto nel post del 25 Febbraio 2014, che qui in parte riprendo.  
Alcune criticità dell'attività di intercettazione sono ben note a chi viene chiamato a lavorare nei C.I.T. delle Procure o nei punti di ascolto in delocalizzazione presso le singole unità di P.G. ovvero successivamente, come perito trascrittore nella fase processuale.
Le misure indicate nel provvedimento del Garante sono in buona parte norme di buona tecnica informatica ed investigativa, e questo ha dato la stura a non poche malignità nei primi commenti: se da una parte è risaputo che il concetto di informatizzazione che hanno i legislatori e i governanti è ben meritevole di critica, si deve anche ricordare che una qualsiasi normativa deve indicare un complesso integrato e coerente, compresi gli atti più elementari; è quindi fuor di luogo domandarsi se i C.I.T. fossero accessibili senza una identificazione minima, username e password per capirsi. Semmai, si sarebbe dovuto domandare quanto robuste fossero le password implementate e quanto fosse posto in essere per impedirne l'uso promiscuo. Le misure riguardano, come detto, sia i Centri Intercettazioni Telecomunicazioni (C.I.T.) stabiliti presso ogni Procura della Repubblica sia gli Uffici di P.G. presso cui è delocalizzata l'attività di intercettazione.
Nei locali che ospitano i terminali per la ricezione, i server, gli archivi ed in ogni altro luogo deputato all'attività di intercettazione devono essere predisposti impianti di videosorveglianza a circuito chiuso e l'accesso deve essere consentito solo attraverso badge strettamente individuali ovvero attraverso identificazione biometrica; tutti gli accessi dovranno essere tracciati. Il personale di manutenzione non potrà in alcun modo accedere ai dati ultronei all'attività tecnica autorizzata direttamente dalle Procure. I protocolli di trasmissione dovranno essere interamente cifrati. Le postazioni di accesso dovranno tutte essere abilitate all'autenticazione degli operatori tramite "procedure rafforzate", e tutte le azioni dovranno essere annotate in registri non modificabili. Tutte le copie dovranno essere criptate ed eseguite se e solo se ritenute indispensabili; i contenitori degli archivi non debbono riportare informazioni intellegibili da estranei circa il contenuto; tutti i movimenti di supporti ionformatici o (sic est) cartacei dovranno avvenire solo ed esclusivamente tramite personale di P.G.
In caso di delocalizzazione degli ascolti, gli uffici di P.G. deputati debbono ottemperare alle stesse misure prescritte per i C.I.T. ed i collegamenti tra C.I.T. e i punti di ascolto remotizzati debbono essere realizzati con connessioni punto-punto o con collegamenti tipo VPN.

Il Garante, come già ricordato, ha più volte sollecitato il Ministero della Giustizia a fornire alle Procure della Repubblica risorse idonee per attuare quanto indicato nel provvedimento.
Nel contempo ... il 15 Marzo 2017, si votava al Senato, oltretutto con la fiducia, il maxiemendamento sulla delega al Governo per la tanto confusa quanto contestata riforma al processo penale; in questa viene inserita la delega alla "riforma" delle intercettazioni da presentare nel termine (incredibile, per gli standard della ditta) di tre mesi dall'entrata in vigore. 
Le motivazioni per una riforma delle intercettazioni sono - nelle pubbliche dichiarazioni, ovviamente - le stesse che ispirano il solido provvedimento del Garante qui citato e sommariamente descritto.
Perché, allora, non sbloccare finalmente le risorse necessarie per renderlo esecutivo, anziché rincorrere una legge che si presenta, come buona parte della produzione degli ultimi governi, portatrice più di problemi (gravi) che di soluzioni?
Al solito, hony soit qui ma y pense


martedì 21 febbraio 2017

È uscito il terzo volume de I Libri del Perito !

La terza uscita de I Libri del Perito è una raccolta di alcuni articoli e memorie congressuali di Ascanio Trojani, dall'ormai lontanissimo 1985 e per i vent’anni che seguono, pressoché introvabili nei circuiti ordinari.
La Periziabilità delle Mazzette Autocopianti, Sulla Possibilità di Esprimere Giudizi di Autenticità o Apocrifia su Documenti Fotoriprodotti, Gli Inchiostri Simpatici, Il Principio di Identificazione in Criminalistica. Alcuni di questi articoli sono stati esplicitamente citati nelle motivazioni di alcune sentenze di Corte d’Appello penale, e vengono ora riproposti, opportunamente rinfrescati ed aggiornati al presente tecnico, sempre ell’inconfondibile stile, provocatorio, diretto e trascinante dell’Autore. 
In fase di editing è stato aggiunto un intervento, insieme a Marisa Aloia, del 2008, in tema di frodi creditizie e compatibilità familiari e ambientali.

Il volume - come tutti quelli della serie - può essere acquistato presso Lulu (paperback e PDF), Amazon (paperback e Kindle), Barnes & Noble oltre che in tutte le librerie partecipanti al circuito globalReach come il Mondadori Store

In arrivo entro il primo semestre altri tre o quattro volumi della serie - dipenderà dai tempi tecnici e dagli altri impegni.


 

venerdì 6 gennaio 2017

Albi telematici dei CTU e dei Periti - dove sono finiti ?

Il 31 Dicembre 2016 scadeva il termine per l'emissione del regolamento per l'albo dei consulenti tecnici, dell’albo dei periti presso il tribunale, dell’elenco dei soggetti specializzati per la custodia e la vendita dei beni pignorati e dell’elenco dei professionisti disponibili a provvedere alle operazioni di vendita
Per ricordarvi cos'era, vedete il post del 14 Marzo 2016, riportato di seguito.
Il problema è che del regolamento in questione, ad oggi, non si sa NULLA, ma proprio NULLA, né è stata inserita una ulteriore scadenza, com'era da attendersi, nel decretone milleproroghe pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 Dicembre scorso ed immediatamente esecutivo.
Dunque: o se ne sono dimenticati (e non sarebbe la prima delega che il governo Renzi e la sua xerocopia fanno scadere e finire nel nulla) ovvero l'hanno fatto e si attende non si sa bene chi, cosa e quando di pubblicarlo sul sito del ministero.
Dalla data di pubblicazione SUL SITO del ministero (e NON sulla Gazzetta Ufficiale) ci saranno 90 giorni per reinscriversi agli albi nelle modalità che il regolamento in questione deve definire (e che NESSUNO ancora conosce).
Brillano per la loro assenza le numerose associazioni che si dicono professionali e di categoria, e anche questa non è una novità.
Pertanto resta una unica soluzione: occhi, orecchie (e magari anche la bocca, per commentare cotanta intelligenza) aperti e vigil.
E magari ricordatevi anche di questa quando si vota.


 

Il decreto milleproroghe 2015 ha spostato al 31 Dicembre 2016 il termine per l'emanazione del regolamento istituito nel DL 179/2012, art. 16 novies Modalità informatiche per le domande di iscrizione e per la tenuta dell’albo dei consulenti tecnici, dell’albo dei periti presso il tribunale, dell’elenco dei soggetti specializzati per la custodia e la vendita dei beni pignorati e dell’elenco dei professionisti disponibili a provvedere alle operazioni di vendita, termine precedentemente fissato al 21 Febbraio scorso.
Dal momento della emanazione del regolamento, decorreranno i 90 giorni dalla pubblicazione sul sito internet del Ministero, per l'obbligo di re-iscrizione telematica di coloro che risultano già iscritti - a quanto pare, versando nuovamente i 168€ di diritti per ogni albo, ovviamente se non saranno incidentalmente aumentati. Per i nuovi iscritti una modalità o l'altra non dovrebbero far gran differenza.
La norma è - more solito - oscura ed ambigua, ma la lettura evidenzia la perentorietà del termine di Legge, quindi l'obbligo di reiscrizione per chi risulta già negli elenchi interessati, con modalità però ancora ignote. 
Il concetto di riversamento dei dati sembra essere sconosciuto al Legislatore, a meno che questi non abbia ritenuto di provvedere alla revisione periodica degli elenchi con tale, astrusa, modalità.
Allego, per completezza e chiarezza il testo del citato art. 16 novies, nella forma originaria firmata dal governo Monti:


16-novies

Modalita'  informatiche  per  le  domande di iscrizione  e  per  la  tenuta  dell'albo  dei  consulenti  tecnici, dell'albo dei periti presso il tribunale,  dell'elenco  dei  soggetti specializzati per la custodia e  la  vendita  dei  beni  pignorati  e dell'elenco  dei professionisti  disponibili  a provvedere alle operazioni di vendita


  1. Le domande  di  iscrizione  all'albo  dei consulenti  tecnici  di cui  agli  articoli  13  e  seguenti   delle disposizioni  per l'attuazione  del  codice  di  procedura   civile,all'elenco  dei soggetti   specializzati   previsto   dall'articolo 169-sexies delle medesime disposizioni e all'albo dei  periti  presso il tribunale, di cui agli articoli  67  e  seguenti  delle  norme  di attuazione del codice di procedura penale, sono inserite, a  cura  di coloro che le propongono, con modalita' esclusivamente telematiche in conformità alle specifiche tecniche  di  cui  al  comma  5.  Con  le medesime modalità sono inseriti i documenti allegati alle domande.

  2. Le disposizioni di cui  al  comma 1  si  applicano anche  alle domande e ai relativi documenti per l'iscrizione  negli  elenchi  dei professionisti disponibili a provvedere alle operazioni di vendita di cui all'articolo 169-ter e all'articolo 179-ter, secondo comma, delle disposizioni per l'attuazione del codice di procedura civile.

  3. Quando, per l'iscrizione negli albi e negli elenchi  di  cui  al presente articolo, la legge prevede il pagamento di bolli, diritti  o altre  somme  a  qualsiasi  titolo,  il  versamento   è   effettuato esclusivamente con sistemi telematici di pagamento ovvero  con  carte di debito, di credito o prepagate o con altri mezzi di pagamento  con moneta elettronica disponibili nel circuito  bancario  o  postale,  a norma dell'articolo 4, comma 9, del decreto-legge 29  dicembre  2009, n. 193, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 febbraio  2010,n. 24. I versamenti di cui al presente comma hanno luogo nel rispetto della  normativa,  anche regolamentare, concernente i pagamenti telematici nel processo civile.

  4. Gli albi e gli elenchi di cui ai commi 1  e  2  sono  formati  a norma delle disposizioni legislative che li regolano e tenuti, a cura del  presidente del tribunale, con modalità esclusivamente informatiche in conformità alle specifiche tecniche di cui al  comma
5. L'accesso  ai  dati  contenuti  negli  albi  e  negli  elenchi è
consentito ai magistrati e al personale  delle  cancellerie  e  delle segreterie di tutti gli uffici giudiziari della giustizia  ordinaria. Salvo quanto previsto dall'articolo 179-quater,  terzo  comma,  delle disposizioni per l'attuazione del  codice  di  procedura  civile,  la disposizione di cui al  periodo  precedente  si  applica  anche  agli elenchi previsti dagli articoli  169-ter  e  179-ter  delle  medesime disposizioni.

  5. La presentazione delle domande e la tenuta degli albi ed elenchi di cui al presente  articolo  sono  effettuate  in  conformità  alle specifiche  tecniche  stabilite  dal  responsabile  per i sistemi informativi automatizzati del Ministero della giustizia, nel rispetto della disciplina prevista dal decreto legislativo 7 marzo  2005, n.82, entro sei mesi dall'entrata in vigore del presente  decreto. Le specifiche tecniche sono pubblicate nella  Gazzetta  Ufficiale  della Repubblica  Italiana  e  sul  sito internet del Ministero della giustizia.

  6. Le disposizioni del presente articolo acquistano efficacia decorsi trenta giorni dalla pubblicazione sul sito internet del Ministero della giustizia  delle  specifiche  tecniche  previste  dal comma 5.

  7. I soggetti di cui ai commi 1 e 2, che alla data di acquisto  di efficacia delle disposizioni del presente articolo sono gia' iscritti negli albi ed elenchi previsti dai medesimi commi,  inseriscono i propri  dati,  con  modalita'  telematiche e in  conformità alle specifiche tecniche di cui al comma 5, entro il termine perentorio di novanta giorni dalla pubblicazione sul sito internet del  Ministero della giustizia delle medesime specifiche tecniche. A decorrere dalla data di scadenza del termine di cui al periodo precedente, gli albi ed elenchi già formati sono sostituiti ad ogni effetto dagli albi ed elenchi previsti dal presente articolo.

venerdì 16 dicembre 2016

Consigli di fine anno ... se dovete proprio regalare qualcosa, regalate libri (ma anche qualcos'altro)! - Quarta


Qualcosa di più hard-boiled, magari un po' oltre i cinquanta euro che erano il limite per il regalino-però-importante-che-non-delude, cercando di mantenere un criterio di facile accessibilità all'acquisto (e quindi Amazon) se non per casi particolarissimi.

Da anni si constata che i fotofonini stanno progressivamente erodendo gli spazi di quelle che erano le point&shoot (anzi, quelle più economiche viaggiano verso l'estinzione) e vi è una sempre maggiore condivisone di tecnologie tra i due sistemi: touchscreen, wi-fi, bluetooth sono sempre più diffusi negli apparecchi fotografici, obbiettivi ben migliori dei primi sistemi menisco+lente di campo, sensori più grandi, elaboratori di immagine  dedicati e distinti dal processore principale negli smartphone. Qualcuno certamente ricorda che ne avevo parlato a Mesagne nel Settembre del 2012, allora presentandoli come sistemi emergenziali o per lo scouting, ma dimostrando che negli anni successivi (ora siamo nel 2016, e lo possiamo ben verificare) l'utilizzo sarebbe diventato concorrenziale.

Per un perito, la acquisizione, la elaborazione e la archiviazione delle immagini è una competenza fondamentale a cui nessun professionista può sottrarsi. Se, da un lato, il lavoro viene svolto con l'utilizzo di strumentazione adeguata, esiste una zona intermedia, variamente corposa secondo i settori, nei quali è estremamente utile la disponibilità di un sistema sempre-con-me, piccolo, relativamente economico ma decentemente performante: nel nostro caso, una compatta (secondo la definizione merceologica) che possa essere tenuta sempre in borsa (evitate le tasche, se volete definirvi professionisti).
Il mercato è abbastanza ampio, in questo settore, seppure si senta la mancanza di alcune caratteristiche dello strumento da scouting: ad esempio, sono rarissimi gli apparecchi che utilizzano batterie standard (ricordate la Caplio R1V ?), reperibili in ogni dove, o un delay dello scatto o di altre operazioni (spegnimento, accensione) ridotto (sempre ricordando la Caplio R1V).
Ai fini dell'acquisizione delle immagini di documenti e scritture, in fase di scouting non è particolarmente rilevante la possibilità di eseguire macrofotografie propriamente dette, quanto quella di riprendere una area minima intorno ai 7x10cm con buona planareità, all'ingrandimento 2:1 o 3:1 ci si giunge in fase di editing, considerata la buona qualità dei sensori correnti.

Fatti salvi i parametri generali di scelta (sostanzialmente il sensore più grande, in dimensioni non in pixel) si dovrebbe già decidere tra piccola reflex a obbiettivi intercambiabili, mirrorless a obbiettivi intercambiabili, le c.d. bridge, ovvero le compatte propriamente dette - ovviamente, sempre meglio la reflex, una entry level ha costo inferiore e prestazioni complessive migliori a una mirrorless ultimo modello di costo anche quadruplo.
Però, qui stiamo parlando del regalino, non dello strumento, tema compatta da scouting.

Il mio esempio è la Sony DSC WX350, considerata su Amazon: prezzo al di sotto dei 250€, sensore CMOS Exmor R® da 7,76 mm (1/2,3"), zoom ottico (solido vetro) 20x (25-500mm equivalenti sul 35mm), 100-12800 ISO, wi-fi, stabilizzazione ottica. Nulla di più, ma sopratutto nulla di meno.


http://amzn.to/2gIk726

Ritorniamo allora ai libri.

Il manuale di Francesco Buffa, Firme elettroniche e grafometriche, è un riassunto aggiornato al regolamento EIDAS (in vigore in Italia dal 1° Luglio scorso). Testo giuridico, non tecnologico, per inquadrare correttamente il problema della firma grafometrica e la validità del documento elettronico.


http://amzn.to/2hrc7Xc

Ancora,un compendio tra il bel libro e il libro professionalmente utile sono le opere di Edward Tufte. L'ultimo della serie è il Beautiful Evidence:


http://amzn.to/2hBs0Ln

4 - sequitur ?


mercoledì 14 dicembre 2016

Consigli di fine anno ... se dovete proprio regalare qualcosa, regalate libri (ma anche qualcos'altro)! - Terza


Oltre l'Alpe e il Mar ch'intorno bagna c'è l'universo mondo;  anche lì le public pense que le graphologue peut s'improviser expert en écritures et que |'expert en ecritures est forcément graphologue. ll s'agit en fait de deux domaines, qui, bien que bases sur |'examen des graphismes, sont étrangers l'un a |'autre et totalement différents. Cette confusion est trop souvent entretenue par Ies magistrats eux-memes qui appliquent a Ia mission de vérication d'écritures, |'appel|ation d‘expertise graphologique, source de quiproquos. (Buquet, Graphologie de Personnalité ed d'Identification, ESP, Paris 1997).

Poco nota in Italia è la scuola iberica, se non per sporadiche citazioni di Maurizio Xandró o di Julian de Ajuriaguerra.
La globalizzazione ci viene d'aiuto, portando in Italia (via Amazon) i testi della scuola di Barcellona, tutti o quasi da Herder (se fate un salto da quelle parti, andate anche e sopratutto in libreria - da Alibri, Balmes 26, di lato all'Universitat de Barcelona), assai interessanti.

http://amzn.to/2hEbGcV


Tra i francesi, mi sento di segnalare Le trait en graphologie: Indice constitutionnel di Fanchette Lefebure e Claude Van den Broek d'Obrenan (anche se non è una novità, questa edizione è del 2006)




 en français, ovviamente - se lo desiderate in italiano, fate una petizione ad Elena Bracci Testasecca presso la Epsylon, che ci ha già riportato in italiano il Peugeot-Lombard-de Noblens:


oltre allo Psicopatologia e Scrittura di di Florence Witkowski: 



Il Buquet citato in apertura lo trovate, con molta pazienza, solo presso le librerie residuali e antiquarie. 
Ci vuole molta pazienza, e molti cioccolatini per alimentarla: se siete a Roma, i cioccolatini andate a prenderli a via Clisio 5 (piazza Istria/piazza Verbano), da Leonidas:

http://www.cioccolatissima.it/index.html


3 - sequitur


martedì 13 dicembre 2016

Consigli di fine anno ... se dovete proprio regalare qualcosa, regalate libri (ma anche qualcos'altro)! - Secondo


Cosa regalare a una/un collega ... ?
Qualcosa di fuori dal mainstream dei maestri residenziali, utile (o almeno, utilizzabile), non eccessivamente oneroso?

La sempre gradita Sheila Lowe, almeno per chi sa di cosa si parla, quelli che invece no si offenderanno e lo scopo sarà sempre raggiunto. The Complete Idiot's Guide to Handwriting Analysis, seconda edizione - handwriting analysis si traduce con grafologia, graphology da quelle parti è la grafomanzia, grazie alle comparsiste televisive.
I link vanno sempre su Amazon.

http://amzn.to/2hrxMML


Altro suggerimento è Image à charge, la construction de la preuve par l'image, catalogo dell'omonima mostra sulla evoluzione della fotografia criminalistica, a partire dalle codifiche di Bertillon. Inestimabile.

http://amzn.to/2gWrYKt

Infine, se proprio preferite lo strumento, il piccolo scanner portatile della Doxie, una replica dell'ormai quasi introvabile mini scanner di HP - minore risoluzione ma più veloce e con la finestra posteriore aperta in modo da consentire di "centrare" l'oggetto (e di far entrare luce parassita, ma si suppone che vada in mano a chi lo sa usare e sfruttare). Costo limitato, leggero, relativamente robusto. Funziona in stand alone, non collegato a un computer, le immagini vengono salvate su una scheda SD ed ha alcune funzioni di elaborazione interna, come la riunione delle singole levate in una immagine unica.

 

 
 2 - sequitur

lunedì 12 dicembre 2016

Consigli di fine anno ... se dovete proprio regalare qualcosa, regalate libri ! - Primo


Comincerei dai fondamentali, gli immensi Fruttero&Lucentini: ristampata negli Oscar Mondadori La Trilogia del Cretino (La prevalenza del cretino, 1985, il successivo La Manutenzione del Sorriso, 1988, e conclusa [?] con Il ritorno del Cretino del 1992) con il titolo distillato Il Cretino (forse qualcuno temeva che il titolo originale non fosse adeguatamente percepito) - lettura chiaramente obbligatoria.
Il link sulle immagini porta per lo più da Amazon Italia.

http://amzn.to/2hlJUyz

Un riferimento più learned, di dimensioni adatte ad ogni taschino, è On Bullshit di Harry G. Frankfurt, ora in paperback :

http://amzn.to/2hENUK1


 .... e per chi ha la volontà di andarlo a cercare, Gli Imbecilli, di Giovanni Papini, uno degli ultimi Millelire di Stampa Alternativa. Costa troppo poco per essere ancora in libreria, mica sono cretini, quelli. Lo si trova ancora direttamente dall'editore, o dai pochi, rari librai sopravvissuti ai governi precedenti
Della felicità dell'imbecille si parlava, per l'appunto.

http://www.stampalternativa.it/libri/978-88-7226-567-3/giovanni-papini/gli-imbecilli.html


1 - sequitur

domenica 31 luglio 2016

Come rubare una identità senza nemmeno sapere come ti chiami, o quasi

Il 26 Giugno di quest'anno 2016, Aaron Thompson, un ventitreenne di Pontiac, Michigan si accorge che non può più accedere al suo account Facebook e che la mail e il numero di telefono a questo associati sono stati cambiati.
Verificando la propria posta elettronica, ha scoperto immediatamente il motivo: un estraneo, spacciandosi per lui, ha scritto alla assistenza clienti di FB chiedendo di disattivare l'autenticazione a due fattori (che verifica l'accesso da terminali diversi da quelli già approvati) e il code generator: “Hi. I don’t have anymore access on my mobile phone number. Kindly turn off code generator and login approval from my account. Thanks.” 
La richiesta non proveniva, ovviamente, dalla mail di Aaron Thompson.
FB risponde prontamente, chiedendo la copia di un documento di identità che provi che lo scrivente sia veramente quello che dice di essere; la copia del documento (il passaporto) viene subito spedita e FB sblocca l'account, consentendo all'intruso di prenderne il controllo.
Peccato che il passaporto inviato in immagine riporti solo il nome corretto, mentre tutti gli altri dati nemmeno corrispondono.
In sostanza, FB ha consentito ad un terzo di assumere il controllo di un profilo senza altro elemento che il nome del titolare.
La vicenda è raccontata dallo stesso Thompson su Redditt - e senza quel racconto FB non avrebbe nemmeno corretto il proprio errore, a quanto si scrive. FB si scusa allegando trattarsi di un errore unmano, non avendo rispettato le ordinarie prassi di sicurezza.
Come ebbi più volte a dire, i social network are in it for the money, e così tutti gli interessati malevoli: Thompson ha una serie di pagine commerciali, altamente spendibili, quantomeno per i milioni di like che queste hanno.

Sul tema ricordo il volume di Bruce Schneier, Data and Goliath: The Hidden Battles to Collect Your Data and Control Your World, reperibile in Italia da Amazon


Ricordo, inoltre, un vecchio post, sulla inopportunità di lasciare in giro copie dei propri documenti di identità ... Identificazione della Clientela e Furto di Identità.


venerdì 22 luglio 2016

Dolus bonus


Seeing Things: A Kid's Guide to Looking at Photographs di Joel Meyerowitz, 80 pagine, Hardcover, Aperture Giugno 2016, ISBN 978-1-59711-315-1.
80 pages, 30 black-and-white and four-color images Hardcover 978-1-59711-315-1 June 2016 - See more at: http://aperture.org/shop/meyerowitz-seeing-things-a-kids-guide?redirect_mongo_id=57912f0b430a0b79c400001d&utm_source=Springbot&utm_medium=Web&utm_campaign=Email#sthash.jGbJgFaf.dpuf
80 pages, 30 black-and-white and four-color images Hardcover 978-1-59711-315-1 June 2016 - See more at: http://aperture.org/shop/meyerowitz-seeing-things-a-kids-guide?redirect_mongo_id=57912f0b430a0b79c400001d&utm_source=Springbot&utm_medium=Web&utm_campaign=Email#sthash.jGbJgFaf.dpuf
80 pages, 30 black-and-white and four-color images Hardcover 978-1-59711-315-1 June 2016 - See more at: http://aperture.org/shop/meyerowitz-seeing-things-a-kids-guide?redirect_mongo_id=57912f0b430a0b79c400001d&utm_source=Springbot&utm_medium=Web&utm_campaign=Email#sthash.jGbJgFaf.dpuf
Bellissimo saggio sulla differenza tra guardare e vedere, ufficialmente per i bambini ma adattissimo anche agli adulti odierni.
Nemmeno troppo caro per gli alti standard di qualità di Aperture (nota: Aperture di solito stampa - divinamente bene - in Turchia, chissà in futuro che succederà).
Dall'Italia conviene acquistarlo su Amazon: http://amzn.to/2a3Mt81 




mercoledì 22 giugno 2016

IX Convegno Nazionale dell'Istituto di Grafologia Forense - Il Programma degli interventi - Mesagne 2/3/4 Settembre 2016




La perizia grafica e le nuove frontiere 
con la tecnologia e la condivisione dei protocolli


Venerdi 2 Settembre 2016
Moderatore: Marisa Aloia

Ore 15,00/15,30 - Grafologia peritale tra ispezioni tecniche e analisi differenziate del gesto grafico - A.Bravo
Ore 15,40/16,10 - Il testamento del demente - V.Tarantino
Ore 16,20/17,00 - Verso il protocollo sulla perizia grafica: un atto di autoregolamentazione - S.Giuliano

Ore 17,10/17,30 - Break

Ore 17,30/18,00 - I compensi dell’ausiliario del magistrato - D.Petruzzi, E.Giordano
Ore 18,00/18,30 - Nuovi orizzonti in perizia grafica - A.Nocchi, G.Grosselle


Sabato 3 Settembre 2016
Moderatore: Alberto Bravo

Ore 09,00/09,40 - Misura della profondità di solchi manoscritti mediante la tecnica 3D - S.Frontini, F.Dellavalle
Ore 9,50/10,20 - Il grafologo nel processo penale - A.Gustapane, R.Travaglini
Ore 10,30/11,10 - Verso un protocollo condiviso per la perizia grafica. Stato dell'arte e possibili evoluzioni - A.Marcelli
Ore 11,30/11,50 - Le firme di certa provenienza per la comparazione. Una ricognizione per definire una procedura condivisa. Fonti, norme ed altro - E.Provaroni
Ore 12,00/12,20 - L’apparato iconografico nella perizia - L.Vettori

Ore 15,00/15,30 - Normazione, regolamentazione, legislazione e il futuro della perizia (grafica) - A.Trojani
Ore 15,30/16,00 - Indagine comparativa protocolli perizia su documenti ENFSI, Romania, Polonia, Stati Uniti - S.Alamoreanu, R.Ciesla, H.M.Szostak, M. Barascu
Ore 16,00/16,30 - La normativa tecnica di supporto alla perizia su base grafologica - R.Caselli

Ore 17,00/19,30 Tavola rotonda e discussione con partecipazione convegnisti - Coordinatori Tavola Rotonda: Donata Di Maio e Giuseppe Giordano


Domenica 4 settembre 2016
Moderatore: Vincenzo Tarantino

Ore 09,00/09,30 - Dalla scrittura manuale alla scrittura digitale - M.Aloia
Ore 09,50/10,10 - Approccio dinamico della datazione inchiostri. Problematiche aperte per una possibile condivisione - G.Bottiroli
Ore 10,20/10,50 - Linee guide e protocolli per la perizia grafica: un confronto con le altre discipline - P.Pastena
Ore 11,30/12,00 - La interazione di alcuni metodi grafologici (Francese-Moretti) per le linee guida della perizia grafica - D.Di Maio, C.Gattamorta
Ore 11.00 - La valutazione degli aspetti cognitivi dell’anziano - V. Tarantino

Ore 12,00 - Conclusioni del Convegno - G.Giordano


Per le informazioni su iscrizione, ospitalità, viaggio e altre attività, tra poco sul sito dell'Istituto di Grafologia Forense.